This post is also available in: English (Inglese)

Il Natale è ormai alle porte e se in casa avete qualcuno con la passione della nautica, della vela, del mare in generale beh, avete soltanto l’imbarazzo della scelta per azzeccare il regalo migliore. Nel sacco di Babbo Natale c’è posto per proposte adatte a tutte le tasche, eccovi una carrellata di idee che non deludono mai suddivise in due categorie: regali per chi non ha una barca ma spesso e volentieri naviga con amici, o noleggiando, e regali per chi la barca ce l’ha già e magari avrebbe piacere di veder arrivare un gadget, una nuova attrezzatura o, più semplicemente, di rinnovare un’attrezzatura esistente.

I regali personali

Partendo dal corpo, vista la stagione è molto indicato un completo di maglia e calzamaglia termici, aderenti, sono eccellenti con i climi freddi, da indossare sia sotto abbigliamento tecnico sia sotto i pantaloni o salopette della cerata. Sempre sotto il profilo dell’abbigliamento, il tradizionale maglione in lana blu con il collo alto fa molto marinaio d’altri tempi, ma in realtà sono i maglioni in pile i più diffusi sia per le doti di leggerezza e calore, sia perché asciugano in poco tempo. Da preferire quelli con collo alto e cerniera perché forniscono il giusto spessore a protezione della gola quando chiuderete la cerata o la giacca a vento, e meglio ancora se dotati di tasche con cerniera come questo HH Chelsea Evo pile jacket (osculati.com). A protezione della testa è indispensabile un berretto: ce ne sono di mille tipologie e materiali per quanto riguarda il calore, ma cercate un capo che possa proteggere e soprattutto aderisca perfettamente in modo da poter essere indossato anche sotto il cappuccio della cerata, come questo HH Lifa Merino Beanie (osculati.com). Di sole nei mesi invernali a volte se ne vede poco, tuttavia gli occhiali restano un must, meglio se con lenti polarizzate: ve la cavate con poche decine di euro per i modelli più economici, senza dimenticare un cordino di sicurezza da abbinare all’occhiale, per evitare che alla prima raffica il vostro regalo finisca ai pesci.

Proseguendo sul versante abbigliamento, la cerata è tanto ovvia quanto fondamentale per chi naviga, e qui c’è solo l’imbarazzo della scelta tra marche, grado di impermeabilità (e quindi prezzo), tipologia. A un prezzo decisamente competitivo c’è questa Cerata professionale traspirante MARLIN Regatta (osculati.com). Ma esistono anche capi che uniscono l’impermeabilità totale alla vestibilità nel tempo libero, come questa giacca HH Haag Jacket (osculati.com). Se invece volete un capo prettamente tecnico per il maltempo, questa salopette HH Storm Rain (osculati.com) è un regalo utile sia per il velista sia per il pescatore. E a proposito di freddo e maltempo, non sono da trascurare le calzature, fondamentali sia per il confort sia per la sicurezza (servono sempre suole adatte per non incorrere in pericolosi scivoloni). Un buon paio di stivali di gomma sarà quindi sempre gradito, ce ne sono da tutti i prezzi, a partire da questi Stivali Skipper Pro (osculati.com)  e fino ai modelli di fascia alta in goretex o pelle.

Sotto il profilo della sicurezza, che uno abbia una barca o che vada a navigare noleggiando o sfruttando l’amicizia di chi una barca ce l’ha, non può mancare il classico coltellino con punteruolo e aprigrilli (Coltello in acciaio inox con impugnatura in plastica per vela (osculati.com) ma anche una pinza multifunzione come questa Pinza multifunzione (osculati.com) : accessori piccoli, a basso costo, ma davvero fondamentali. A livello di tecnologia, un Gps portatile è sempre consigliabile averlo a disposizione anche noleggiando una barca, perché uno strumento di bordo può sempre smettere di funzionare in qualunque momento per i motivi più disparati, e se smette di funzionare nel momento sbagliato sono dolori. Esistono dispositivi grandi ormai quanto un telefonino come questo GPSMAP 86 GARMIN (osculati.com) e altri prodotti che oltre a fornire coordinate e mappe dispongono anche del tasto per il soccorso come l’Inreach sempre della Garmin e grande poco più di un pacchetto di sigarette.

I regali per chi una barca ce l’ha già

Restiamo in tema sicurezza. Nel caso ci sia in famiglia un neo armatore e non abbia già provveduto a una dotazione completa, gli farà senza dubbio piacere ricevere le life-line (le fettucce che corrono da prua a poppa a cui agganciarsi per evitare di essere sbalzati in mare in caso di maltempo) e di conseguenza i cosiddetti “cordoni ombelicali” che grazie a due moschettoni permettono appunto di assicurarsi alle life-line di cui sopra. Per chiudere il cerchio, ci vuole o un giubbotto autogonfiabile già provvisto di gancio per il cordone ombelicale o, nel caso ne fosse sprovvisto, serve un imbrago da indossare sopra la cerata per poter cosi fissare il moschettone. Se volete invece puntare sulla tecnologia, sempre in merito alla sicurezza individuale, il top è il Plb, il sistema satellitare di allarme che si attiva nel malaugurato caso in cui una persona finisca fuori bordo, fondamentale per le operazioni di ricerca e soccorso e utilizzabile anche sulla terraferma grazie all’attivazione manuale. Altri sistemi come questo modello Man Over Board in trasmissione AIS (osculati.com) funzionano invece attraverso l’Ais per dare le coordinate del naufrago. E’ uno strumento che non dovrebbe mai mancare.

Se guardiamo invece al tempo libero in barca, per le notti in pozzetto a basso consumo energetico esistono in commercio un’infinità di lampade solari molto funzionali ed economiche: si appendono alle draglie durante il giorno e regalano all’imbrunire diverse ore di luce gratuita ed ecologica. Alcuni modelli sono realizzati a mò di contenitori stagni in silicone e sono utili anche per riporre telefonini o simili al riparo dall’umidità e dagli spruzzi, e alla sera fornire illuminazione. Per restare in tema, sono molto utili a bordo i caricabatteria solari: piccoli, funzionali, a basso costo, permettono di mantenere la carica dei telefoni o tablet senza alcun consumo. E nello stesso ambito, è importante poter disporre sempre di una riserva energetica per le emergenze, nel malaugurato caso di un black out agli strumenti, e in tal caso ringrazierete di aver voluto a bordo (sempre carica) una power bank a cui collegare ad esempio un gps o un tablet con funzione di cartografico. Costano poche decine di euro e alcuni modelli hanno anche la funzione di starter d’emergenza in caso di problemi alla batteria motore.

Passando a momenti piacevoli, un grill da appendere al pulpito di prua per cucinare il pescato del giorno è uno di quei regali che difficilmente resteranno inutilizzati. I modelli migliori come questo Barbecue/fornello a gas MAGMA Marine Kettle (osculati.com) garantiscono sicurezza e durata e permettono sontuose grigliate nella calma placida di una rada. Se l’armatore di casa ha invece l’ansia da lontananza dalla barca, un’idea regalo può essere quella di una delle tante telecamere alimentate a 12 volt o a batterie solari le cui immagini possono essere visionate a centinaia di chilometri grazie a un pc o addirittura un normale smartphone. C’è chi le installa sull’albero, chi sui pulpiti o sul ponte, e permettono di tenere sotto controllo la barca 24 ore su 24. Insomma, per un regalo gradito c’è solo l’imbarazzo della scelta. Buon Natale.   

Stefano Sergi